• tecniche-complementari

Tecniche Complementari

Fiori di Bach
Le essenze dei fiori di Bach sono estratti vegetali che hanno un'influenza positiva su sbalzi d'umore e squilibri emotivi come la paura, l'ansia, il disagio, la mancanza di fiducia in se stessi, le preoccupazioni, conflitti mentali come stanchezza, rimuginazione, ossessione. Il nome deriva dal dott. Edward Bach (1886 - 1936) che ha scoperto questo metodo di guarigione all'inizio del secolo scorso. Per più di 70 anni le essenze dei Fiori di Bach si sono dimostrate utili per i bambini adolescenti adulti ed anziani per tutti i tipi di problemi emotivi: problemi di sonno, paura del fallimento, paura degli esami, deficit di attenzione, tristezza, sensi di colpa, problemi di concentrazione. Questi sono tutti esempi in cui le essenze dei Fiori di Bach sono stati utilizzati con successo e buoni risultati.

Campane Tibetane
Le campane tibetane sono strumenti originari del Tibet, Nepal e India, ma vengono prodotti anche in altri paesi come Cina, Giappone e Corea. Sono strumenti vibrazionali,le proprietà strutturali consentono ai loro suoni di essere in armonia con le vibrazioni dei pianeti e di trasmetterle a chi le suona o ascolta, affiancato al massaggio o al trattamento scioglierà i blocchi energetici del corpo stimolando in questo modo la guarigione interiore. E' uno strumento utilissimo per favorire il relax, la distensione e la quiete interiore.

Moxa
Con il termine Moxibustione si intende l'applicazione prolungata di calore su specifici punti del corpo, in corrispondenza di meridiani e agopunti. La moxibustione è una tecnica cinese di origine tibetana. L' erba che brucia è Artemisia (o assenzio selvatico), nota anche con il nome di "erba scacciadiavoli". Vengono formate delle palline, dei coni o, avvolgendola in carta di gelso, dei sigari. Queste forme si appoggiano sulla pelle, si accendono e si lasciano bruciare. L'artemisia possiede diverse proprietà medicamentose, tra queste sono da annoverare le proprietà antisettiche, antispasmodiche, carminative, diaforetiche, espettoranti, eupeptiche, amarotoniche e antidiabetiche. Le foglie vengono spesso inserite nelle pietanze come condimento per cibi difficilmente digeribili. Un' altra peculiarità dell' artemisia è quella di irradiare una temperatura di circa 500/600 gradi, terapeuticamente molto efficace.Il calore irradiato non fa altro che ripristinare il flusso ordinario dell' energia e del sangue nel corpo, ristabilendo l'equilibrio psico-somatico.

Coppettazione
La coppettazione è una tecnica antichissima che, nel corso dei secoli, ha saputo rinnovarsi e perfezionarsi tanto che, utilizzata già ai tempi di Ippocrate e poi dai Cinesi, è oggi inserita come pratica per rigenerare il corpo. Essa consiste nell'applicazione sulla pelle della persona trattata di coppette simili a vasetti di yogurt o tazze di vetro, bambù o ceramica creando un effetto “ventosa” che tiene il contenitore incollato al corpo. L’applicazione può durare dai 5 ai 20 minuti e produce come effetto un’alterazione dei flussi energetici del corpo mediante una stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica. La coppettazione si può quindi considerare una terapia “riflesso-stimolante” poiché sfrutta i principi della medicina tradizionale cinese agendo sulle cosiddette zone riflesse. Tramite essa è possibile ripristinare l'equilibrio e ristabilire la funzionalità dell’organo o dell’apparato in disarmonia.

Taping
Il taping è un tipo di cerotto non medicato con funzioni curative per i leggeri infortuni muscolari, che si applica direttamente sulla cute sovrastante il muscolo o zone tendinee ed articolari, la cui funzione è quella di contenere nella sua naturale la porzione di muscolo o muscoli sottostanti. Il nastro che viene utilizzato per il Taping NeuroMuscolare è uno strato di cotone di pochi millimetri di spessore con adesivo acrilico spalmato a onde. La superficie adesiva è protetta da carta removibile; il nastro presenta un'elasticità sovrapponibile a quella cutanea, è elastico solo in lunghezza e resistente all’acqua. L'applicazione insieme al movimento del corpo produce micromovimenti del nastro che stimolano i recettori cutanei e quelli degli strati sottostanti determinando una risposta muscolare riflessa. Il nastro si applica con vari gradi di tensione che dipendono dall'effetto terapeutico desiderato e la sua speciale struttura ondulata aerata permette la traspirazione locale. Agendo su cute, muscoli, sistema venoso, sistema linfatico e articolazioni, il NMT raggiunge sei principali obbiettivi:
  • Alleviare il dolore;
  • Normalizzare la tensione muscolare;
  • Rimuovere la congestione venosa e linfatica;
  • Migliorare la vascolarizzazione sanguigna;
  • Correggere l'allineamento articolare;

Fior di prugna
Il martelletto viene utilizzato con un movimento elastico del polso; la percussione della cute deve essere ritmica e perpendicolare.Sulla zona trattata si produce un iperemia con lo scopo di richiamare sangue in superficie. Non penetra nei tessuti e può essere utilizzato nei pazienti restii al trattamento con aghi filiformi o nei bambini. Il martelletto viene utilizzato su tutte le superfici cutanee per stimolare la zona sottostante o quelle ad essa collegate, ed è un ottimo strumento per trattare cicatrici, ematomi, acne etc...